Facciamo Pasqua anche quest'anno, nonostante tutto

DOMENICA DI RISURREZIONE IN FAMIGLIA

Memoria delle apparizioni del Signore risorto ai suoi discepoli

Giorno dell’Alleluia!
Giorno della Vita che non muore!

Il silenzio del sabato cede il posto al giubilo della domenica di Pasqua. Segniamo questa santa domenica con tutti o alcuni dei seguenti suggerimenti. Le tracce per aiutare a celebrare questi momenti si trovano in fondo al presente sussidio.

Suoniamo e facciamo festa con la voce e gli strumenti: campane, musica, canti, riempiendo di suono gioioso la giornata. L’arcivescovo ci invita a 12.00 e alle 19.00 a suonare e fare festa. Come pure ci chiede di addobbare i nostri balconi per annunciare la risurrezione alla nostra città degli uomini, con segni colorati, drappi, luci, e i disegni dei bambini.

La preghiera del mattino sia corale e gioiosa, cantando insieme Alleluja e leggendo il Vangelo delle donne al sepolcro.

La mensa del giorno di Pasqua sia tutta bianca, che per la liturgia è il colore della festa, con luci e per quanto possibile fiori. Anche gli abiti potrebbero essere bianchi o avere qualcosa di bianco, richiamo al nostro battesimo nato dalla Pasqua. Sulla tavola diamo spazio alle uova e ai cibi pasquali tradizionali, e benediciamo la mensa con gioia.

Raggiungiamo per telefono amici e parenti per offrire loro gli auguri gioiosi di Buona Pasqua.

La sera leggiamo i racconti delle apparizioni di Gesù ai discepoli nei vari Vangeli, raccontandoli ai più piccoli, riconoscendo l’Ospite divino, che non manca mai in mezzo a noi.

MATTINO DI RISURREZIONE

Indicazioni pratiche: Nella mattinata, ci si raduna nuovamente in famiglia, per salutare il giorno di Pasqua, giorno dell’incontro con il Risorto. Sarebbe bello, in memoria del proprio battesimo, vestirsi di bianco in questo giorno, memoria della veste bianca del nostro battesimo.

Introduzione

Guida: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo. Tutti: Amen.

Sequenza

Guida: Alla vittima pasquale, s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge, l’Innocente ha riconciliato noi peccatori col Padre.

Tutti: Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.

Uno dei presenti, possibilmente maschio:
«Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via?».

Uno dei presenti, possibilmente femmina:
«La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto: precede i suoi in Galilea».

Tutti: Sì, ne siamo certi: Cristo è davvero risorto. Tu, Re vittorioso, abbi pietà di noi.

Ascolto della Parola del Signore

Se possibile si canta un Alleluia, altrimenti si acclama al Signore con le seguenti invocazioni.

  • I presenti, a turno:
    Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato. Alleluia.
  • Celebriamo, la festa con purezza e verità. Alleluia.
  • Gesù Cristo, il crocifisso, è risorto. Alleluia.
  • come aveva detto. Alleluia.
  • Il Signore è davvero risorto. Alleluia.
  • A lui gloria e potenza nei secoli eterni. Alleluia.

Uno dei presenti: Dal vangelo secondo Matteo (Mt 28,1-10)
Dopo il sabato, all’alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l’altra Maria andarono a visitare la tomba. Ed ecco, vi fu un gran terremoto. Un angelo del Signore, infatti, sceso dal cielo, si avvicinò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. Il suo aspetto era come folgore e il suo vestito bianco come neve. Per lo spavento che ebbero di lui, le guardie furono scosse e rimasero come morte. L’angelo disse alle donne: «Voi non abbiate paura! So che cercate Gesù, il crocifisso. Non è qui. È risorto, infatti, come aveva detto; venite, guardate il luogo dove era stato deposto. Presto, andate a dire ai suoi discepoli: “È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete”. Ecco, io ve l’ho detto». Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

 

Benedizione dei cibi pasquali

Guida: Gesù risorto ha vinto la morte e ha permesso a tutti noi, per il nostro battesimo, di partecipare alla sua vita, condividendo il suo Spirito. Una vita nuova è presente in noi, promessa di quella risurrezione che tutti coinvolgerà alla fine dei tempi. Questi cibi pasquali, che ci richiamano alla festa e al rinnovamento del mondo, siano segno della benedizione del Signore e promessa della festa senza fine che egli prepara nel suo Regno per tutti .

Tutti: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo Regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.

Guida: Benedetto sei tu, Signore del cielo e della terra, che nella radiosa luce del Cristo risorto risvegli l’uomo e il mondo alla vita nuova che scaturisce dalle sorgenti del Salvatore: guarda a noi tuoi fedeli e a quanti si ciberanno di queste uova (questi cibi pasquali),  umile e domestico richiamo alla festa della risurrezione di Cristo; fa’ che ci apriamo alla fraternità nella gioia del tuo Spirito. Per Cristo nostro Signore, che ha vinto la morte e vive e regna nei secoli dei secoli.
Tutti: Amen.

Memoria mariana

Se è presente una immagine mariana in casa, ed è accessibile, è bene concludere la preghiera davanti a quella immagine.

I presenti, a turno:

  • Regina del cielo, rallegrati, Tutti: Alleluia.
  • Cristo, che hai portato nel grembo, Tutti: Alleluia.
  • È risorto, come aveva promesso, Tutti: Alleluia.
  • Prega il Signore per noi, Tutti: Alleluia.
  • Rallegrati, Vergine Maria, Tutti: Alleluia.
  • Il Signore è veramente risorto, Tutti: Alleluia.

Guida: Preghiamo. O Dio, che nella gloriosa risurrezione del tuo Figlio hai ridato la gioia al mondo intero, per intercessione di Maria Vergine, concedi a noi di godere la gioia della vita senza fine. Per Cristo nostro Signore. Tutti: Amen.

Guida: Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.
Tutti: Amen. Alleluia, Alleluia.

PASTO SERALE

Indicazioni pratiche: La tavola imbandita, i testi da leggere.

Prima della cena

Guida: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo. Tutti: Amen.

Guida: Rendete grazie al Signore perché è buono,
Tutti: il suo amore è per sempre.

Guida: Lo dica Israele:
Tutti: il suo amore è per sempre.

Guida: La pietra scartata dai costruttori è divenuta la pietra dangolo:
Tutti: il suo amore è per sempre.

Guida: Questo è il giorno fatto dal Signore, rallegriamoci ed esultiamo:
Tutti: il suo amore è per sempre.

Uno dei presenti: Dal Vangelo secondo Luca (24,36-43)
[In quel giorno] Gesù in persona stette in mezzo [ai discepoli] e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Guida: Signore Gesù Cristo, tu hai fatto della cena con i tuoi discepoli il luogo dove svelare la tua vita divina nella comunione con te, continua ad offrire a noi la tua pace: vinci i nostri dubbi e le nostre paure e aiutaci a confidare in te. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Tutti: Amen.

Dopo la cena

Uno dei presenti: Dal Vangelo secondo Luca (24,44-49)
Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».

I presenti, a turno:

  • Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce.
  • Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori.
  • Consolatore perfetto, ospite dolce dell’anima, dolcissimo sollievo.
  • Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto.
  • O luce beatissima, invadi nell’intimo il cuore dei tuoi fedeli.
  • Senza la tua forza, nulla è nell’uomo, nulla senza colpa.
  • Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina.
  • Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò ch’è sviato.
  • Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni.
  • Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna.

Guida: O Padre, che in questo giorno, per mezzo del tuo unico Figlio, hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna, concedi a noi, che celebriamo la Pasqua di risurrezione, di essere rinnovati nel tuo Spirito, per rinascere nella luce del Signore risorto. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Tutti: Amen.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail