Meditazione sul vangelo del giorno

Lunedì V di Pasqua

l'anima mia ha sete del Signore

Dal vangelo secondo Giovanni (14, 21-26)

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola
e il Padre mio lo amerà
e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.
Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato».

COMMENTO L’amore non è privo di effetti. Lo riconosciamo anche nei nostri rapporti umani. Chi ama se stesso non può capire, perché anche quando si rivolge all’altro, in realtà non ama lui ma il piacere che gli dà la sua presenza. Chi ama sul serio anzitutto ascolta. La parola dell’altro è importante, mi vincola perché sono io che mi metto al servizio e non pretendo il servizio. L’amore porta prossimità, fino al radicarsi permanente nel cuore dell’altro.

Questa è anche l’esperienza religiosa cristiana. Tutto parte da quello che facciamo delle parole di Gesù: se le leggiamo per cercarvi dentro una giustificazione e un utilizzo personale, oppure se le accogliamo e ci lasciamo vincolare da esse, per amore.

PREGHIERA
Salmo 118(119)

Quanto amo la tua legge, Signore;
tutto il giorno la vado meditando.
Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici,
perché sempre mi accompagna. 

Sono più saggio di tutti i miei maestri,
perché medito i tuoi insegnamenti.
Ho più senno degli anziani,
perché osservo i tuoi precetti. 

Tengo lontano i miei passi da ogni via di male,
per custodire la tua parola.
Non mi allontano dai tuoi giudizi,
perché sei tu ad istruirmi. 

Quanto sono dolci al mio palato le tue parole:
più del miele per la mia bocca.
Dai tuoi decreti ricevo intelligenza,
per questo odio ogni via di menzogna.

 

Preghiamo.

O Padre, che hai nascosto la tua verità
ai dotti e ai potenti e l’hai rivelata ai piccoli,
donaci, nel tuo Spirito, un cuore di fanciulli,
che ci renda non solo uditori,
ma realizzatori del Vangelo
per avere la gioia di credere
e la volontà libera per obbedire
alla parola del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail