Il seminatore uscì a seminare...

Venerdì III di Quaresima

Meditazione sul vangelo del giorno

 

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 12,28-34)

In quel tempo Gesù disse:
«Il primo comandamento è:
“Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore;
amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima,
con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”.
Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”.
Non c’è altro comandamento più grande di questi».

COMMENTO: La nostra è una generazione che teme la “totalità”, nell’impegno, nelle risorse, nel tempo; è la generazione della “uscita di emergenza”, che si trattiene sempre qualcosa perché… “non si sa mai”. L’idea che Dio invece desideri una totalità di cuore, anima, mente e forze ci sembra esagerato, pretenzioso, perfino ingiusto. Noi siamo così per colpa delle nostre paure, dei fallimenti già vissuti o solo immaginati, che ci fanno temere di rimanere delusi e feriti. Non capiamo più l’amore, che fa prendere in toto la propria vita e la fa consegnare alla persona amata. Non capiamo più Dio, che è amore. Non capiamo la sua legge, che mette in opera l’amore. Finché questo comandamento ci spaventa, abbiamo bisogno di conversione.
Ma appena l’amore di Dio fa breccia nei nostri cuori, riceviamo subito un gran regalo, i fratelli: L’umanità intera non è più indifferente o ostile, ma una fraternità da realizzare, per amore di Dio.

PREGHIERA
Salmo 114(116)
Amo il Signore, perché ascolta
il grido della mia preghiera.
Verso di me ha teso l’orecchio
nel giorno in cui lo invocavo.

Pietoso e giusto è il Signore,
il nostro Dio è misericordioso.
Il Signore protegge i piccoli:
ero misero ed egli mi ha salvato.

Ritorna, anima mia, al tuo riposo,
perché il Signore ti ha beneficato.
Io camminerò alla presenza del Signore
nella terra dei viventi.

Preghiamo.
Signore Padre santo,
che hai stabilito il tuo popolo
sulla roccia del tuo amore,
donaci di vivere sempre
nella venerazione per il tuo santo nome
e accresci in noi l’amore per i nostri fratelli.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail