L'anima mia ha sete del Signore

Lunedì dell’ottava di Pasqua

Meditazione sul vangelo del giorno

Dal vangelo secondo Matteo (28,8-15)

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande,
le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli.
Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!».
Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono.
Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

COMMENTO La tomba e vuota, timore e gioia grande per i discepoli di tutti i tempi. Mentre ci allontaniamo dal luogo di morte, attirati dal pensiero della vittoria di Cristo, egli stesso ci viene incontro. Non manca ai discepoli di tutti i tempi l’occasione di incontrare il Signore, di avvicinarsi, abbracciarlo e adorarlo, se solo hanno il coraggio di cominciare a muoversi, a prendere le distanze dalle opere morte e a fidarsi della risurrezione di Cristo. Certo è solo l’inizio e il cammino porta lontano. Ma non abbiamo più paura di condividere la gioia della risurrezione.

PREGHIERA
Salmo 21(22)

Lodate il Signore, voi suoi fedeli,
gli dia gloria tutta la discendenza di Giacobbe,
lo tema tutta la discendenza d’Israele;

perché egli non ha disprezzato
né disdegnato l’afflizione del povero,
il proprio volto non gli ha nascosto
ma ha ascoltato il suo grido di aiuto.

Da te la mia lode nella grande assemblea;
scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.

Ricorderanno e torneranno al Signore tutti i confini della terra;
davanti a te si prostreranno tutte le famiglie dei popoli.

Si parlerà del Signore alla generazione che viene;
annunceranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
«Ecco l’opera del Signore!».

 

Preghiamo.

Ricevi, Cristo Signore, agnello della nostra Pasqua,
il nostro sacrificio di lode in questo giorno.
Tu che hai redento il tuo gregge
e ci hai riconciliati col Padre,
vincendo la morte con la tua morte
e vivificando i morti con la tua vita,
rimani sempre con noi e
riempi le nostre gole di inni di lode.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail