Meditazione sul vangelo del giorno

Lunedì IX settimana (S. Maria Madre della Chiesa)

Chi rimane in me ed io in lui porta molto frutto

Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 19,25-34)
In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua madre,
la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala.
Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava,
disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!».
Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!».
E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.

 

COMMENTO

La salvezza di Cristo è la partecipazione dei credenti alla sua vita di Figlio di Dio. Proprio per l’esercizio di questa sua esistenza, egli lascia ai discepoli anche la maternità di Maria, perché come per la sua vita terrena quella maternità è stata parte della sua esperienza di figlio di Dio, così lo sia anche per tutte le generazioni successive dei credenti. Per essere figli di Dio come Gesù, anche noi passiamo attraverso la maternità di Maria, secondo il suo lascito presso la croce. È una maternità che insegna ad andare al Padre celeste, che invita alla confidenza nello Spirito, che incoraggia alla perseveranza, come appare il ruolo di Maria nella vita di Gesù, secondo i vangeli. La chiesa si specchia in questa maternità, e si propone di svelarne la presenza con la sua premura. E come tutte le madri, anche lei passa attraverso incomprensioni e ribellioni, senza smettere per questo di amare tutti i suoi figli.

PREGHIERA
Salmo 130(131)

Signore, non si esalta il mio cuore
né i miei occhi guardano in alto;
non vado cercando cose grandi
né meraviglie più alte di me.

Io invece resto quieto e sereno:
come un bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è in me l’anima mia.

Israele attenda il Signore,
da ora e per sempre.

 

Preghiamo.

Dio Padre di misericordia,
il tuo unico Figlio, morente sulla croce,
ha dato a noi come madre nostra
la sua stessa madre,
la beata Vergine Maria;
fa’ che, sorretta dal suo amore, la tua Chiesa,
sempre più feconda nello Spirito,
esulti per la santità dei suoi figli
e riunisca tutti i popoli del mondo
in un’unica famiglia.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail