Meditazione sul vangelo del giorno

Mercoledì IV di Pasqua

L'anima mia ha sete del Signore

In quel tempo Gesù esclamò:
«Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva,
io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo,
ma per salvare il mondo. Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna:  la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno. 
Perché io non ho parlato da me stesso, ma il Padre, che mi ha mandato, mi ha ordinato lui di che cosa parlare e che cosa devo dire. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre le ha dette a me»

COMMENTO Il male e il bene non sono indifferenti. Il bene è premiato, il male condannato. Il Vangelo ci incoraggia a fare il bene, perché l’uomo si rivela nelle sue opere, e manifesta la bontà che ha nel cuore oppure la malvagità. Non c’è esito felice per il malvagio: nessuno si inganni. Ma non è questo il tempo del giudizio: questo è il tempo della conversione, della fiducia nel Vangelo e della trasformazione del cuore. Questo è il tempo in cui accogliere il comanda di Dio e compierlo, come segno di amore e di corrispondenza al Padre. Davanti a noi, nelle nostre azioni, si conferma o si smentisce la scelta della vita e della felicità eterna. “Scegli dunque la vita” (Dt 30,19), perché la libertà è data per scegliere il bene, non per l’indifferenza tra il bene e il male.

PREGHIERA
Salmo 1

Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,
non resta nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli arroganti,

ma nella legge del Signore trova la sua gioia,
la sua legge medita giorno e notte.

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che dà frutto a suo tempo:
le sue foglie non appassiscono
e tutto quello che fa, riesce bene.

Non così, non così i malvagi,
ma come pula che il vento disperde;

perciò non si alzeranno i malvagi nel giudizio
né i peccatori nell’assemblea dei giusti,
poiché il Signore veglia sul cammino dei giusti,
mentre la via dei malvagi va in rovina.

Preghiamo.

O Dio, presente nel cuore di ogni uomo,
rivèlati a quanti sono nelle tenebre
e nell’ombra di morte,
perché nella tua luce
possiamo camminare sulla retta via,
per respingere ciò che è contrario
alla professione cristiana
e seguire ciò che gli è conforme.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail